BEVI MANCO

Ciao, ieri è successo una cosa che mi ha fatto riflettere molto.
Sono stato alla Magnalonga a Pedemonte coi fioi, tipo 12 km de camminada fra campagne e strade in mezzo ai vigneti veronesi, co 8 tappe dove te magnea e te bevea. Bea giornada, tante ombre e felicità.
Su una delle ultime tappe è successa una cosa.
Vicino a dove eravamo noi, c’era la classica giostrina quella che gira torno, ti siedi, prendi il robo la in mezzo, e inizi a farti girare.
Tanta zente provea, ma i pi imbriachi no, perchè i veneti no i’è mone e i sa bevar. (Una de’e robe pi be’e l’è vedar dei veneti a ‘na festa de ombre, quant ridar)
E niente, mentre giocavo a frisbee con amici e bimbi a caso che si erano aggiunti, passa un bimbo correndo confuso coa pessa fora pal naso, ma tanta pessa, tanta tanta tanta. Mi inizie ridar perchè le cose schifose tipo cacca, pessa, bava me fa ridar. Incrocie el sguardo co na tosa, coe agreme anca ea.
Ho pensà, cazzo ma cossa veo dentro chel nasin la.
Poi me gire e vede so mama che ghe core drio, lo ferma, so quel che lo ferma, el bimbo tira na coeassada da paura.
I parea tutti fonzie, anzi forse i iera fonzie.
Subito ho pensà: “BEVI MANCO! SE NO TE SA BEVAR, STA CASAA!”
Ma la ho capio, che quel che ghe vegna zo dal naso, no la iera pessa… El magnar el ghe iera semplicemente vegnù sù. E penso che dal naso ghe sie vegnù fora un fonzie.
Mi col spirito da crocerossin che ho, ghe son corso incontro par darghe un fazzoett de carta, ma co son rivà la me son accort che ve’e tirà fora a busta de tabacco e no ve’e fazzoetti.
Immaginè a mamma, el boccia sta mal, e ghe riva uno co ‘na busta de tabacco in man, disendoghe: “Ti serve?”
El boccia l’ha sboccà altre tre volte.
Ho vist tanta gente desfada ieri, ma a so faccia a iera a pezo de tutte.
Ho fatt 1+1=DO e ho ricostruio a storia.
El boccia l’ha magnà, bevù e dopo co tut l’entusiasmo de uno de sette anni l’è corso soa giostrina a girar, la l’ha girà, girà e girà finchè l’è andat par sora. Smontà da’a giostra sentendose in difficoltà, l’ha taccà corrar a caso confuso e svarionà, motivo par cui al posto de andar verso so mama, l’andea da’a parte opposta, e dopo savè za com’è andada.
Oppur l’ha bevù vin come tutti, ma i fonzie i sarie stati rossi e invezze i iera gialli. Quindi quasi sicuramente è stada a giostra.

Questo mi ha insegnato che:
1) A volte pol sembrar ‘na roba e invece è un’altra.
2) No se ride de’e desgrazie de chialtri, perchè parea na cazzada e invezze l’è stat mal.
3) E giostre che gira, e pol far sboccar.
4) Un fonzie passa pol passar pal naso.
5) E giostrine che gira i’è diseducative, e fa provar el sbomballo ai tosattei, cussì da grandi i sentirà el bisogno de sbomballarse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *