GLI INSEGNAMENTI DI CADAMURO, L’ANZIANO.

Un fià de anni fa, iera el primo giorno de ferie e voee dormir fin tardi.

Però vee quei che i vea l’appartamento adiacente al mio che i vea do cani che i baiea sempre.

Ma co dise sempre l’è sempre.

Co i iera fora in giardin iera come averli avui in casa, coli tegnea dentro casa, iera come averli avui sora el let.

E baia e baia e baia…

Il problema che entrambi i nostri giardini i se affacciea so un giardin pubblico e bastea che fusse na persona la, che lori i’andea vanti a baiar finchè no i ‘ndea via.

Chea mattina verze a finestra e vede un nonnet sentà so ‘na panchina… Camisetta bianca, gilettin tortora, cappel tipo caciottina zaett, coe man dritte davanti a lu puzzae solpi classico baston da terza età.

Vae fora sol me giardin in giardin, me avvicine aa rete che se affaccia al parchett e in maniera gentie ghe dise:

“A me scusa, possea sentarse soa panchina pi in la? Perchè sennò i cani i baia fin doman.”

Lo disee anca par lu, porett iera do ore che i cani ghe baiea drio.

El nonnet porett, spasemà el me fa:

“Ma questo l’è un giardin pubblico, mi no so dove andar, mi posse star quà…L’è ombra quà, casa no ho nessuni, ho caldo…”

Me vegnù un fraccon al cuor, el vea rason e no riussie spiegarme perchè i cani i continuea a baiar a bain, ma mi voee dormir e vedendo che el ghe iera restà mal, decisi de far el giro fora e andar a dirghe ghe no iera nessun problema.

Col me ha vist rivar l’ha taccà dir:
“No no no, va ben vae via vae via! Scusa scusa no vegne pi!”

Provando ad alzarse so e so gambette anziane, iuttandose col baston che fea stra anziano.

Mi ghe dissi:
“Maestro no son quà par dirghe paroe, anzi voee domandarghe scusa, no a se preoccupe a stae pur sentada la.” me son avvicinà e me son presentà dandoghe a man.”
E la porett l’ha taccà contarme robe, el me ha fatt ‘na tenerezza e insomma me son sentà co lu e el me ha contà mezza vita sua.
Perchè chialtra mezza nol se a ricordea.
“… Fatt paeazzina par tutti i me fioi… par vivar tutti insieme vizzini…. vita de sacrifici… e lori i’è andai vivar via… son restà da sol…”

Insomma son stà un’ora col nonnet, el me fea na tenerezza, e me son sentio proprio bravo.

INSEGNAMENTI DEL GIORNO:
PRIMO: Portè pazienza coi anziani, no ste rispondarghe mal che un giorno saren anca noaltri anziani.
SECONDO: Mai daghe corda ad un anziano, perchè pol voearte via do orette come ridar e molto probabilmente nol se ricorderà de ti, però ti si de lu 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *